Brno

Brno è seconda Più grande città della Repubblica Ceca.
L’insediamento permanente lì dopo l’arrivo degli Slavi nel VI secolo attraverso il periodo del Regno di Gran Moravia. Dalla fine del XIII secolo, la città è protetta dal Castello Špilberk che più tardi divenne il castello residenziale dei margravi di Moravia appartenenti alla dinastia dei Lussemburgo, e la capitale della Moravia Terra. 05_brno-st-Peters-dome-inside

Come dell’altre città, Brno ha anche i suoi segreti nascosti, per esempio sotterraneo di Brno. Il monumento più attraente per i turisti provenienti da tutto il mondo è la Villa Tugendhat. Questo è l’edificio più importante eseguita in Europa dall’architettore Ludwig Mies van der Rohe nel 2001 e registrato nella lista del patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO.
Villa Tugendhat

La Villa Tugendhat, costruita tra il 1929 e il 1930 a Brno, è uno dei più importanti in stile funzionalista del periodo europeo dell’architetto Ludwig Mies van der Rohe.

Il telaio in acciaio struttura senza muri portanti, ha dato l’architetto la possibilità di creare un nuovo ed informale concetto di spazio coperto ma aperto e variabile, riunito il suo ambiente naturale adiacente.
Brno è una importante zona monumentale urbana e la seconda città più grande della Repubblica Ceca.

L’insediamento permanente esiste dal momento che l’arrivo degli Slavi nel VI secolo attraverso il periodo del Regno di Gran Moravia.

Dalla fine del XIII secolo, la città è protetta dal Castello Špilberk che più tardi divenne il castello residenziale dei margravi di Moravia appartenenti alla dinastia dei Lussemburgo, e la capitale della Moravia Terra.

Come dell’altre città, Brno ha anche i suoi segreti nascosti, per esempio sotterraneo di Brno. Brno_let

Il monumento più attraente per i turisti provenienti da tutto il mondo è la Villa Tugendhat. Questo è l’edificio più importante in Europa eseguita dall’architetto Ludwig Mies van der Rohe nel 2001 e registrato nella lista del patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO.
Il percorso inizia osservando la città al di sopra del vecchio municipio, da dove si può affiatarvi con l’ambiente della città moderna dal punto di vista a volo d’uccello.

È inoltre possibile visitare la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, fontana barocca Parnas, Colonna della Santissima Trinità, o cripte del Cappuccini. Vale la pena di osservare anche il Palazzo Klein, Palazzo dei Signori di Lipa, abbazia nella Città Vecchia di Brno, Assunta Chiesa, la residenza estiva dei Mitrovský o le chiese di San Giacomo e San Tommaso.

Sulla vostra strada si può terminare con la visita del castello Špilberk, casematte o l’esposizione sulle prigioni XVIII e XIX secolo.
Negli anni 1929 – 1930 la coppia Fritz e Greta Tugendhat costruito una casa di famiglia a Černá Pole, zona residenziale di Brno. Entrambi giovane provennero da famiglie benestanti, la trama dei quali sono stati significativi e lana fabbriche tessili a Brno.
Ludwig Mies van der Rohe (1886 – 1969), architetto tedesco del prestigio europeo è stato per la prima volta a Brno nel mese di settembre 1928 e fu affascinato dalla posizione molto bellavista edificio con la città e le sue due dominanti, Castello di Spilberk e Cattedrale SS. Pietro e Paolo. Dopo un anno e la media la costruzione è stata effettuata alla fine e nel dicembre 1930 la sposi Tugendhat si muovevano.
La casa indipendente su tre piani più in basso si pianta nel terreno. Il parterre serve del’edificio di arredi tecnici. Il primo piano è il primo di tutti gli spazi di vita e le imprese con il giardino d’inverno, poi la cucina con le strutture e le camere dei lacchè.

Nel secondo piano si trova davanti all’ingresso principale, separato dalla parete semicircolare della scala, fatta di vetro. Oltre all’ingresso ci sono le stanze dei genitori, figli e governante, servizi e ampio terrazzo.
L’edificio intonacato di costruzione è supportato dalla struttura portante in acciaio. Lo spazio abitativo principale è la dominante della casa per l’uso insolito di materiali e lo spazio.

ambiente di vita “a tutti gli effetti continuità” predominato sedie mobili e tavolo rappresentativo, che si trova di fronte alla parete di onice con una vista sul giardino. Questo punto di vista è possibile anche dalla cucina delimitata dalla linea curva di Makassar. Dietro la parete di onice era lo studio con la biblioteca e il giardino d’inverno adiacente.

Il sistema di aria condizionata: una combinazione di riscaldamento, ventilazione e umidificazione, alto livello di igiene, finestre che rientrano nel motore elettrico a pavimento, a fotocellula ingresso ecc Egli apparteneva ad arredare casa tecnico, era senza precedenti.
Ludwig Mies van der Rohe progettato con i suoi collaboratori Lilly Reich, Hermann John e anche Sergio Ruegenberg l’interior design della casa. L’armadio era soprattutto di nastro d’acciaio e tubi e di legno di qualità.

Di fronte alla parete di onice, c’erano tre tipi di poltrone “Tugendhat” rivestite in tessuto grigio-argento, due poltrone “Barcelona” in pelle verde smeraldo e una chaise longue rivestito in velluto rosso rubino. Ha preso il tavolo da pranzo rotondo in legno di pero nero c’erano due sedie tipo “Brno” coperto in bianca.View_of_Brno_in_the_year_1700 pergamena

Ha preso la scrivania impiallacciata in ebano Makassar C’erano due poltrone infilate tipo “MR 20”. La maggior parte dei mobili in metallo è venuto da Berlino, ma i mobili built-in di Brno, l’architetto della Società sistemazioni standard Jan Vanek.
La parte inseparabile della villa era il giardino fatto du disegno di Mies van der Rohe in collaborazione con l’architetto donna a Brno, Greta Roder-Müller. Una gran parte del giardino ha fatto il prato con impianto di erba e alcuni Arbori solitario. Le facciate erano folta e la casa era a base di verdure.
Nel 1992 la villa fu testimone della firma ha permesso la divisione della Cecoslovacchia.
La Villa Tugendhat appartiene agli edifici residenziali più significativi nel mondo, qual è l’effetto del suo concetto architettonico, l’uso di materiali e apparecchi tecnica.