Parco Nazionale Sumava

Parco Nazionale Sumava

Nel 1991 gran parte dei Sumava, la catena montuosa situata lungo il confine sud-orientale della Repubblica Ceca con la Germania e l’Austria, viene dichiarata Parco Nazionale.

Con una superficie di 69.030 ettari, il PN Sumava è il più grande del Paese, nonché riserva naturale UNESCO dal 1990. Se a questo si aggiungono i 13.000 ettari del limitrofo Parco Nazionale della Foresta Bavarese in terra tedesca, si ottiene la più grande foresta continua dell’Europa centrale, alias il “Tetto verde d’Europa”.

Il parco continua con il Parco Nazionale della Foresta Bavarese su territorio tedesco, ha mantenuto una natura intatta, ad un’altitudine media di 1000 m.

Tra i suoi alti luoghi, si comincia a scoprire le sorgenti del fiume Moldava, distese di foresta vergine Boubin dove i pini più antichi hanno dai 3 ai 400 anni, o il punto più alto punto del paese, il Monte Plechý (1378 m).

La foresta é tra le più grandi in Europa centrale, ospita un centinaio di linci, cervi e caprioli, galli cedroni, lontra … e molti altri animali selvatici, tra cui l’alce wapiti molto rara in Europa, senza contare 18 specie di pipistrelli, aquile Pygargues dalla coda bianca e gufi degli Urali.

Lato Flora, il terreno è molto vario, cristallino, piuttosto umido. Potete vedere nella stagione iris siberiani blu, rose e genziane d’Ungheria, piante carnivore, tutte protette , e potrete raccogliere mirtilli e funghi.

Si consiglia il camping e visite guidate, con opportunità per lo sci, mountain bike ed escursionismo.

In generale, chiedete prima, ci sono otto centri di informazione nel parco, tra cui Kasperske Hory, buon punto di partenza per escursioni con il suo cammino di cercatori d’oro.

Il primo nome storicamente documentato per questa montagna è un nome celtico Gabreta (Mountain Capricorno), che ha introdotto il nome per la foresta locale alla mappa di Tolomeo (gomma Gabreta). Nella Repubblica Ceca designato la montagna come una foresta: silva ( Kosmas ) o la Foresta Bavarese ( Dalimil Chronicle ). Nome Sumava probabilmente prima utilizzata Antonio Bonfini nel 1565 Nel suo lavoro latino Rerum Hungaricum decenni, nel 17 ° secolo questo nome apprezzato da altri autori: Pavel Stransky , Bohuslav Balbin . Nome foresta deriva dalla parola proto-slavo šuma, il che significa fitta foresta fitta foresta. [1]

 

Tedesco lato (non austriaca) è talvolta chiamato anche la Foresta Bavarese (Bayerischer Wald), rispettivamente. Posteriore Foresta Bavarese (Hinterer Bayerischer Wald). Leading Foresta Bavarese (Vorderer Bayerischer Wald), che comprende un quarzo val Pfahl , è un po’ più a sud in tedesco nell’entroterra di Šumava è separata dalla valle del fiume di taglio. Il suo punto più alto è il vertice Einödriegel (1121 m). Al confine, però, risale Bavarese parco nazionale delle foreste (Nationalpark Bayerischer Wald) e Parco Naturale Forestale dell’Alta Baviera (Naturpark Oberer Bayerischer Wald)

Per maggiori informazioni: www.npsumava.cz.